Chiusura frontiere, un domino impazzito: dopo Austria e Slovenia, la Croazia?

passap_(lukemontague 187987292 CC-BY-NC-SA)

Nell’Europa che litiga sui profughi, ora si teme l’effetto domino. Dopo gli annunci dell’ Austria e della Slovenia, anche la Croazia si dice pronta a sospendere gli accordi di Schengen sulla libera circolazione in Europa. In realtà Vienna aveva ristabilito i controlli sulle frontiere già nel settembre scorso, e va verso un proroga della misura, e il governo di Hans-Werner Faymann non esclude che il provvedimento possa riguardare anche il Brennero, cioè la principale frontiera con l’Italia. In questo scenario ad altissima tensione, il dito resta spesso puntato contro la Germania di Angela Merkel, attaccata sia dentro sia fuori casa.

Zagabria ha annunciato che se Vienna dovesse confermare i controlli ai suoi confini, anche la Croazia ripristinerebbero i controlli, e sarebbe necessario presentare i documenti alle frontiere. «Si tratta di un effetto domino, ha affermato il (probabile) futuro vicepremier del governo croato di prossimo insediamento Tomislav Karamarko – e l’Europa non potrà che prenderne atto. Non permetterò che la Croazia diventi un hotspot di migranti». «L’Austria ha istituito di nuovo controlli temporanei alle frontiere a settembre, e queste misure sono in vigore da quel momento», sottolineato all’ANSA dal Karl-Heinz Grundboeck, portavoce del ministero dell’Interno austriaco. «La durata della proroga dipenderà dal comportamento degli altri Paesi», aggiunge. Per il Brennero, i controlli che «verranno attivati in base alla necessità».

Continua su LaStampa.it

__
Vedi anche:
Chiudere le frontiere in Europa ha conseguenze incalcolabili per tutti

__
Foto lukemontague cc-by-nc-sa

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google