Governo: piano d’azione contro xenofobia e intolleranza. Opposizione: non ha senso

islam-musul_(garryknight CC-BY)

Il consiglio dei ministri ha approvato mercoledì un piano d’azione per gli anni 2016-2018 che ha l’obiettivo di prevenire ed eliminare razzismo, xenofobia, antisemitismo e altre forme di intolleranza. Il documento si concentra sulla prevenzione dell’insorgere di pregiudizi, stereotipi e atti di odio per ragioni di nazionalità, etnia, religione o per altri motivi, ed evitare la diffusione di tali atteggiamenti. Questo documento si richiama a indicazioni già trattate nel febbraio scorso nella strategia nazionale per la protezione e il sostegno dei diritti umani.

Il ministero dell’Interno, che ha redatto il piano, osserva che le opinioni di una importante parte dell’opinione pubblica slovacca subiscono l’influenza di stereotipi, pregiudizi e generalizzazioni quando si tratta di gruppi razziali, etnici o religiosi, basandosi spesso su informazioni inesatte.

Lo dimostra anche un sondaggio Eurobarometro dell’ottobre 2015, scrive Tasr, dove la Slovacchia risulta tra i paesi i cui abitanti mostrano con più frequenza atteggiamenti sprezzanti verso minoranze etniche e religioni. Secondo l’indagine svolta in tutta Europa, meno di uno slovacco su due (48%) si sente a proprio agio con una persona di colore come collega di lavoro. Percentuale che sale di appena un punto nel caso di un collaboratore asiatico (49%), e arriva al 57% per un ebreo. In tutti i tre casi, in Slovacchia si sono registrati i dati più bassi in Europa. Poco meglio va con un collega musulmano, che sarebbe accettato positivamente dal 36% degli slovacchi (peggio solo Praga con il 27%).

Dopo la decisione del governo, la vice presidente del partito slovacco-ungherese Most-Hid Lucia Zitnanska, ex ministro della Giustizia, ha affermato che il piano dovrebbe occuparsi dell’intolleranza sprigionata dalle dichiarazioni del primo ministro Robert Fico per quanto riguarda la crisi migratoria. «Dichiarazioni come quelle sul monitoraggio di ogni membro della comunità musulmana in Slovacchia, o sulla prevenzione della creazione di una comunità musulmana compatta nel Paese sono esattamente i modi di invocare pregiudizio e paura, e incitare l’odio religioso», ha detto la Zitnanska. L’approvazione del documento è del tutto priva di senso, ha detto, perché «nessuno può credere veramente che il governo voglia osservarlo, tanto meno il primo ministro».

(Red)

__
Foto Garry Knight cc-by 2.0

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google