Come imparare più facilmente una lingua? A gesti!

lingue_(mickangel 4586792703)

È inevitabile che, nel momento in cui si decide di imparare una lingua, si debba ricorrere a dei notevoli sforzi di memoria, sia nell’apprendimento della grammatica e della pronuncia ad ogni livello, sia a livello lessicale. Ciò spesso scoraggia i più pigri, coloro che hanno poco tempo per ripassare le parole e le strutture già viste, e coloro che – a causa dell’età o di qualunque altro fattore – possono contare solo relativamente sulle proprie capacità di incamerare facilmente nella propria testa quel che prima non si conosceva. Eppure, uno studio recente ha dimostrato che ci sono alcuni trucchi per aiutare la memoria a lavorare meglio e di più, con meno difficoltà.

Per riuscirci ci si può spesso servire di differenti mnemotecniche fotografiche, uditive o di associazione logica: il fine, in tutti e tre i casi, consiste nell’associazione del nuovo a qualcosa di già profondamente noto a chi si sta cimentando con un idioma, e che sia per qualche motivo riconducibile facilmente all’elemento da imparare. Può trattarsi di un’associazione soggettiva o oggettiva, letterale o metaforica, numerica o alfabetica, concreta o astratta… In ogni caso, con un po’ di applicazione e di creatività, funziona sempre. A tale tecnica se ne aggiunge un’altra ben più curiosa, che consiste nell’accoppiare la memorizzazione alla gestualità del proprio corpo, a patto che il movimento effettuato consenta ancora una volta al diretto interessato un’associazione fra il gesto compiuto e quanto c’è da apprendere. Non a caso, una recente ricerca – durante la quale è stato chiesto ai partecipanti di imparare un gruppo di vocaboli inesistenti, provenienti da una lingua artificiale – ha dimostrato che l’attività cerebrale di chi imparava usando anche dei gesti era maggiore e influenzava positivamente la memoria.

Più nello specifico, grazie a tale accorgimento si costruiscono delle rete cerebrali più estese, che interessano un gran numero di aree, compresa quella motoria. Così facendo, è più semplice e più immediato ripescare una nozione memorizzata in precedenza, perché per ricordarla è possibile fare ricorso a più parti del cervello, talvolta collegata solo indirettamente all’incameramento di nuove informazioni. A essere interessante è, inoltre, l’effetto di una simile trovata su tutti i soggetti coinvolti, a prescindere dall’età e da altre caratteristiche biologiche e soggettive: coloro che imparano servendosi anche dei movimenti del corpo, finiscono sempre per imparare con più rapidità. Che questo possa avere degli effetti anche su molti modelli di insegnamento delle lingue straniere, e non solo?

(Eva Luna Mascolino, vocidicitta.it)

__
Foto mickangel cc-by-nc-nd

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google