Kiska: nostri problemi interni dovrebbero ridiventare protagonisti

kiska-andrej_(prezident_sk)

Nel suo discorso di Capodanno pronunciato alla televisione il presidente slovacco Andrej Kiska ha detto che non ci sono ragioni per cui la nazione debba dare così tanta attenzione alla crisi migratoria, a scapito della ricerca di soluzioni  per risolvere le politiche interne. Siamo parte integrante dell’Unione Europea e dell’Area Schengen, «e vorremmo che le cose non cambino». Perciò è evidente la ragione per cui abbiamo partecipato a «molte discussioni sulla capacità dell’Europa di affrontare centinaia di migliaia di migranti e rifugiati. Ma noi non siamo stati colpiti da questo fenomeno al punto da mettere a rischio la nostra economia, la società, la nostra cultura o sicurezza». È suo convincimento, ha detto il capo dello Stato, che «non c’era alcuna ragione per mettere i nostri problemi interni ai margini della nostra attenzione».

Il rischio di attacchi terroristici connessi con l’attuale flusso di profughi, ha detto il presidente, «è una strumentalizzazione politica», provocata dai movimenti terroristici e che istiga estremismo politico e diffidenza tra le persone. Non dovremmo consentire loro di farlo, ha detto, «o la paura e la vigilanza diventeranno i nostri unici padroni». «Pensiamo a questo ogni volta che assistiamo a espressioni di ostilità, nascosta o palese, e ogni volta che la paura si infiltra nelle discussioni pubbliche e politiche», ha detto Kiska.

Il presidente ha ricordato il turno di Presidenza del Consiglio dell’UE che la Slovacchia si appresta ad assumere nel secondo semestre del 2016, e ha espresso il desiderio che il suo Paese possa contribuire a ristabilire fiducia tra gli europei e ad affrontare con convinzione tutte le questioni necessarie per un corretto funzionamento dell’Unione.

Quanto alle prossime elezioni politiche, che si terranno il 5 marzo, Kiska ritiene che i candidati dovrebbero parlare soprattutto dei problemi dell’assistenza sanitaria e dell’istruzione di base. Questi sono i settori nei quali si registra maggiormente caos e grosse lacune. Questi due grandi temi, a suo parere, dovrebbero essere al centro dell’azione del nuovo governo e parlamento. Per questo, ha concluso Kiska, la gente non deve rinunciare al proprio diritto di voto e non può consentire ad altri di decidere per loro.

(La Redazione)

___
Foto prezident.sk

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google