Perché le rivolte arabe sono fallite

Cairo-Egitto-2011_(lokha@flickr) primavere arabe

Questa settimana si commemora il giorno in cui, cinque anni fa, Mohamed Bouazizi si diede fuoco in una cittadina nel sudovest della Tunisia, dando avvio alle rivolte del mondo arabo. Ma la commemorazione offre solo una prospettiva limitata sulla più complessa e importante storia delle rivoluzioni (ancora in corso) e, più in generale, sulla storia del mondo arabo moderno.

In molti nel mondo, tanto per ingenuità politica quanto per motivazioni più oscure, deplorano le violenze che hanno seguito le rivolte e si chiedono perché le insurrezioni popolari non abbiano prodotto transizioni democratiche al di fuori della Tunisia. Più utile e sensato sarebbe invece analizzare il turbolento mondo arabo non limitandosi agli ultimi cinque anni bensì prendendo in considerazione tutto il secolo scorso, dal 1915 a oggi. Per due motivi fondamentali. […]

Continua a leggere su Internazionale.it

__
Foto Il Cairo, piazza Tahir 3/12/2011 (lokha cc-by-nc-sa)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.