Promesse mancate della Coalizione. Gli elettori capiranno (?)

I partiti della Coalizione (SDKU-DS, Libertà e Solidarietà / SaS, Movimento Democratico Cristiano / KDH e Most-Hid) sperano che i loro elettori comprendano le ragioni per le quali non hanno potuto mantenere alcune delle loro promesse elettorali, come l’aumento recentemente annunciato dell’IVA dal 19 al 20% come ultimo esempio di divergenza, scrive il quotidiano Pravda ieri.

SaS, in particolare, era contro qualsiasi aumento dell’IVA. Il leader del partito Richard Sulik ora promette che l’aumento sarà solo temporaneo. «Questo Governo ha un interesse straordinariamente forte nella riduzione del deficit. È questione di un periodo relativamente breve e torneremo di nuovo al 19%. Credo che i nostri elettori capiranno», ha detto.

Altra promessa mancata è quella di ridurre l’imposta sulla benzina al minimo richiesto dall’Unione Europea. Il deputato SDKU Tomas Galbavy sottolinea che la situazione è cambiata dopo le elezioni, e che i compromessi sono inevitabili, anche con mosse che non sono popolari. SaS ha dovuto accantonare la promessa di depenalizzare la marijuana e introdurre le unioni registrate dello stesso sesso, mentre all’altra estremità dello spettro KDH è stato costretto a fare marcia indietro su un patto con il Vaticano sull’obiezione di coscienza.

(Fonte Pravda)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.