Pellegrini a Berlino spiega ai tedeschi la posizione slovacca sulle quote di rifugiati

parlamento-sk-presidenza_(nrsr.sk) pellegrini

Slovacchia e Germania continuano a divergere sul tema delle quote di redistribuzione obbligatorie dei rifugiati tra gli Stati UE. Questa la situazione emersa dall’incontro a Berlino tra il capo del Parlamento slovacco Peter Pellegrini e il suo omologo tedesco Norbert Lammert. Le posizioni distanti, in ogni caso, non pregiudicano le relazioni bilaterali tra i due paesi, ha detto Pellegrini. «Abbiamo parlato della posizione slovacca sulle quote obbligatorie, e abbiamo informato di tutte le attività nelle quali il nostro Paese è impegnato in solidarietà con i rifugiati», ha detto Pellegrini, sottolineando che «dal mio collega non sono arrivate critiche o posizioni negative. Ci siamo reciprocamente esposti le nostre rispettive posizioni».

Il capo del Parlamento slovacco ha detto a Lammert che la decisione della Slovacchia è irremovibile e che l’Unione europea deve badare alla protezione delle frontiere esterne di Schengen come Bratislava continuerà a blindare il confine est dell’Unione con l’Ucraina.

Si è discusso di aiuti ai paesi di origine delle migrazioni e di un programma di assistenza alla Turchia, e della prossima Presidenza slovacca dell’UE nella seconda metà del 2016 con le sue priorità fissate in particolare su Unione energetica e mercato digitale comune, ma naturalmente si continuerà a parlare di questioni immediate come l’immigrazione e le minacce alla sicurezza europea.

Pellegrini ha anche incontrato il segretario di Stato tedesco all’Istruzione George Schutte, che è stato ringraziato per l’iniziativa delle aziende tedesche in Slovacchia di lanciare programmi di ‘educazione duale’ che si inseriscono in un sistema di educazione professionale cui la Slovacchia oggi dà molta attenzione. «Centinaia di studenti sono già iscritti ai programmi di apprendistato nelle aziende tedesche in Slovacchia», ha detto Pellegrini, che con il sottosegretario Schutte ha parlato di potenziale ulteriore sviluppo e sostegno alla doppia formazione in Slovacchia.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.