Radicova: non abbiamo fermato la costruzione della D1, non c’era nulla da fermare

Il Governo non ha fermato la costruzione dell‘autostrada D1 perchè non c’era niente da fermare, ha detto il Primo Ministro Iveta Radicova ieri in Parlamento in risposta alle critiche dell’opposizione.  «In sostanza, non c’era nulla da fermare, perchè il consorzio non aveva a disposizione i fondi necessari per adempire all’impegno, e la sola cosa che ci è stata lasciata sono alberi tagliati e l‘intrusione in un’area protetta che la Commissione Europea ha contestato», ha detto il Premier.

Il consorzio di imprese edili non è riuscito ad ottenere un prestito bancario per il progetto di costruzione di 75 chilometri in sei distinti tratti dell’autostrada D1 entro il 31 Agosto. Il Ministro dei Trasporti Jan Figel ha rifiutato di prorogare il termine, già rinviato sei volte dall’ex Ministro Lubomir Vazny.

«Dopo 16 mesi di attesa è stato davvero il momento di dire ‘basta’, e di non prorogare il termine ulteriormente», ha detto la Radicova. In termini politici, sarebbe stato comodo «avviare la costruzione e tagliare nastri … Ma noi non ci impegneremo in speculazioni svantaggiose e sovrapprezzo senza copertura finanziaria», ha aggiunto.

(Fonte TASR)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*