Contributo del governo slovacco alla Croce Rossa Italiana

lajcak-rocca_CRI_(FB.foreign.gov.sk)

Il vicepremier slovacco e ministro degli Affari esteri ed Europei Miroslav Lajcak ha consegnato questa mattina come espressione di solidarietà un ‘assegno’ del valore di 100.000 euro al presidente della Croce Rossa Italiana Francesco Rocca. «Crediamo che questo denaro sarà di aiuto per l’acquisto di materiale essenziale e di altre attrezzature, soprattutto ora che sta arrivando l’inverno», ha detto Lajcak, ricordando che l’Italia ha accolto quest’anno più di 130.000 rifugiati. «È un peso enorme per le istituzioni statali e le organizzazioni non governative» dell’Italia, ha detto il ministro, che è tra i paesi più colpiti dall’afflusso di migranti.

Rocca ha ringraziato per il gesto di solidarietà, e ha parlato dell’importanza dell’umanità e solidarietà globale, in una crisi migratoria così importante come quella che l’Europa si trova oggi ad affrontare. «Ringrazio il governo e il vice primo ministro Miroslav Lajcak per aver riconosciuto, grazie a questa generosa donazione, l’impegno della Croce Rossa Italiana che continua a mettere al centro delle sue attività l’imperativo umanitario», ha dichiarato il presidente CRI.

La Croce Rossa Italiana, ha sottolineato il ministro, è attivamente impegnata nel fornire assistenza e supporto ai rifugiati sul Mediterraneo che cercano di raggiungere l’Europa, in particolare nell’isola di Lampedusa, in Sicilia e in Sardegna. Pochi giorni fa, del resto, le attività della Croce Rossa Italiana in Sicilia hanno ricevuto un riconoscimento dalla Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (IFCR). Ai rappresentanti regionali della CRI è stato assegnato il Premio Henry Davison per le attività umanitarie svolte a favore dei rifugiati.

La Croce Rossa Italiana, dall’inizio dell’anno, ha assistito allo sbarco 140mila persone migranti garantendo assistenza sanitaria, supporto psicosociale e provvedendo alla distribuzione di acqua e cibo. In tutta Italia la CRI gestisce 70 strutture per un totale di 3500 richiedenti asilo circa.

La Slovacchia ha finora fornito più di 6 milioni di euro per affrontare la crisi dell’immigrazione in Europa. 3 milioni sono andati al Fondo fiduciario regionale della UE a favore della crisi siriana, mezzo milione al fondo fiduciario di emergenza dell’UE per l’Africa, con l’aggiunta di altri 100.000 euro in base a un accordo con i membri del Gruppo di Visegrad (V4). Al Programma alimentare mondiale (dell’Onu), alla Banca di sviluppo del Consiglio d’Europa e all’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) sono stati dati 600.000 ciascuno, mentre l’UNICEF e l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM) hanno ricevuto 400.000 euro ciascuna.

(La Redazione)

___
Foto: Lajcak e il presidente CRI Rocca a Bratislava oggi (FB/mzv.sk)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google