Elicottero ucraino schiantato: sono otto i morti. Sette probabilmente afgani

elicott_(zrahen_CC-BY(

Lo schianto dell’elicottero ucraino sul lato slovacco del confine con l’Ucraina nella sera di mercoledì scorso ha causato otto morti, due in più di quanti contati inizialmente. Si tratta di sei uomini e due donne. L’incidente si è verificato vicino al villaggio di Stretavka, nel distretto di Michalovce, a poca distanza dalla frontiera ucraina. Gli ultimi due corpi sono stati trovati dai subacquei in un canale, braccio morto del fiume Uhz. Il pilota era presumibilmente ucraino, mentre il resto dell’equipaggio non è stato ancora identificato. Si ritiene tuttavia che si tratti di persone in fuga dall’Afghanistan. E dunque si tratterebbe un caso drammatico di favoreggiamento di immigrazione clandestina.

Secondo il ministro degli Interni Robert Kalinak, le autorità slovacche si sono accorte di un mezzo non identificato in volo che ha attraversato il confine mentre nella zona imperversava il maltempo. Quanto la polizia di frontiera ha fatto una ricerca, complicata anche dalla fitta nebbia, è stato scoperto il relitto di un elicottero Mi2, parti del quale erano sparse in un’area di circa 300 metri quadrati.

Domenica 15 novembre è stato annunciato l’avvio di un procedimento penale. Il portavoce del Ministero degli Interni, Ivan Netik, ha detto ai media che l’elicottero portava lo stemma dell’Ucraina e che gli investigatori stanno lavorando sull’ipotesi di «tentativo di attraversare illegalmente il confine». Il confine a livello del terreno è molto ben protetto, ha sottolineato Netik, e per questo «hanno cercato di attraversare la frontiera per via aerea. Cosa molto pericolosa in condizioni di cattivo tempo».

La polizia sta collaborando con i colleghi ucraini per arrivare alle cause dello schianto e identificare il proprietario del velivolo e i componenti dell’equipaggio. Il relitto è stato portato in un hangar a Humenne, dove c’è una sede dei servizi di soccorso, e sarà presto esaminato.

In seguito a questo fatto, il ministro Kalinak ha detto che per difendere il confine nazionale la Slovacchia userà tutti i mezzi a disposizione. In particolare, il confine con l’Ucraina verrà monitorato con mezzi di difesa antiaerea. Si tratta di una misura di emergenza, ha detto, «ma il momento attuale richiede tali azioni. Ora tutti i mezzi disponibili in Slovacchia saranno utilizzati per la difesa dello spazio aereo».

(Fonte Tasr)

__
Foto rahen z cc-by-nc 2.0

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google