La Corte Costituzionale esaminerà la legge contro gli addebiti degli studi medici

medici-sanita_(proimos_6869336880@flickr)

La Corte Costituzionale della Repubblica Slovacca ha annunciato ieri che esaminerà la recente modifica alla legge sulla Sanità, adottata nel marzo scorso, che ha abrogato gli oneri che gli studi medici addebitano ai pazienti per prendere gli appuntamenti. La legge nel frattempo rimane comunque in vigore così com’è.

L’azione della corte, che ha sede a Kosice, è stata avviata da una mozione presentata dal presidente Andrej Kiska, il quale ritiene che l’emendamento sia in contrasto con la tutela dei diritti dei pazienti garantiti dalla Costituzione.

La legge, dice il presidente, non ha fornito la giusta protezione contro gli addebiti, ma piuttosto il contrario, innescando una nuova ondata di oneri inventati dai medici per aggirare la legge. L’emendamento di questa primavera ha infatti vietato l’addebito di oneri amministrativi, come veniva definito l’addebito di una decina di euro per l’appuntamento prioritario, ma ha lasciato spazio alla fantasia degli operatori che hanno studiato altri modi di spillare soldi ai pazienti. Questo vale per chi ottiene un appuntamento con una specifica data e ora, ma non per chi si reca in ambulatorio e attende il suo turno, rischiando a volte un’attesa di diverse ore.

Kiska è convinto che sia dovere dello Stato intervenire e porre rimedio con «una legge chiara, precisa e prevedibile».

(Red)

__
Foto Alex Proimos cc-by-nc

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google