Praga, rifugiati in galera per disincentivarne l’arrivo

frontiera_(orinrobertjohn-2155338662_CC-BY)

Migranti arrestati “regolarmente”, lasciati in carcere per 40 giorni, a volte anche fino a 90 “in condizioni descritte come degradanti”. La Repubblica Ceca viola i diritti umani dei migranti, non maniera sporadica ma “sistematica”. La pesante accusa arriva dall’Alto commissario per i Diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra’ad Al Hussein. Negli ultimi mesi diversi Paesi europei di transito dei migranti hanno utilizzato misure restrittive nei confronti di chi cercava di raggiungere l’Europa ma solo in Repubblica Ceca, sottolinea l’Alto commissario, la detenzione è una “routine”.

Prosegui la lettura su EuNews.it

__
Foto orinrobertjohn CC-BY 2.0

1 Commento

  1. Sarebbe interessante che questi frequenti articoli sui migranti scendessero un po’ di più in profondità e spiegassero ai lettori anche altri aspetti: ad esempio, al di là del fatto che i cechi violino i diritti umani nei modo descritti nel pezzo: quanti sono i migranti che subiscono tali trattamenti indecorosi a dir poco? Perchè, se si dà uno sguardo a una cartina dell’Europa non solo non si capisce bene da dove siano giunti in Repubblica Ceca, né soprattutto che cosa ci fanno, vista la posizione del Paese completamente fuori dalle rotte che di solito utilizzano i rifugiati.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*