Parlamento: Ludovit Stur pilastro incrollabile della nostra esistenza nazionale

Stur_monum-Modra_(josaul-nc-nd)

In una sessione in località Myjava (nella regione di Trencin) il Parlamento slovacco ha commemorato ieri il 200° anniversario della nascita di Ludovit Stur, leader della rinascita nazionale slovacca e principale codificatore della lingua slovacca moderna, che si compie il prossimo mercoledì 28 ottobre.

Il capo della Commissione parlamentare Cultura e Media, Dusan Jarjabek, ha letto una dichiarazione a nome del Parlamento, dichiarando che Stur resta un pilastro di ispirazione incrollabile della identità nazionale slovacca. Stur ha avviato l’adozione della lingua slovacca sul territorio nazionale (mentre la Slovacchia era governata dagli ungheresi), fondato il primo quotidiano nazionale slovacco, istituito il Consiglio nazionale slovacco e dato avvio all’applicazione pratica dei principi di gestione democratica. Se anche avesse realizzato anche solo una di queste cose, ha ricordato Jarjabek, Stur sarebbe comunque degno di enorme apprezzamento e rispetto.

La dichiarazione del Parlamento ha espresso rispetto per l’eredità di Stur, sottolineando la necessità di tenere presenti anche i valori spirituali, e non solo i bisogni materiali. La dichiarazione rammenta che il patriottismo di Stur ha ripreso e rafforzato l’orgoglio nazionale degli slovacchi.

Frontespizio di “La lingua della Slovacchia, ossia la necessità di scrivere in questa lingua”, edito nel 1846. (Wikipedia)

Presenti all’incontro diversi esponenti istituzionali, inclusi due ex presidenti della Repubblica. Ivan Gasparovic ha detto che Il significato di Ludovit Stur non dovrebbe essere commemorato, dovrebbe essere dentro di noi. Ha aggiunto che gli slovacchi spesso dimenticano la loro storia che «è anche una finestra sul futuro. E molti dei nostri giovani spesso non vedono che il futuro corso della storia. Ci sono nazioni che celebrano questo tipo di personalità ogni giorno. Noi slovacchi invece non li teniamo molto in conto, purtroppo». Un altro ex presidente, Rudolf Schuster, si è detto preoccupato del fatto che gli slovacchi non riescono ad accordarsi unanimemente sulle figure nazionali, e ha parlato delle polemiche e diversi punti di vista su personalità fondamentali per la nazione come Stur , Milan Rastislav Stefanik o Alexander Dubcek.

Ľudovít Štúr nacque nel villaggio di Uhrovec (regine di Trenčin) il 28 ottobre 1815. Fu leader della rinascita nazionale slovacca nel XIX° secolo, personalità saliente durante la rivoluzione del 1848, in seguito uomo politico, poeta, giornalista, editore, insegnante, filosofo, linguista e membro del Parlamento ungherese. Ma più di tutto è ricordato come autore della codificazione della lingua slovacca contemporanea, un lavoro che lo occupò a lungo e che divenne strumento politico contro la magiarizzazione forzata dei territori slovacchi. Per questo scopo prese ad esempio, nella metà degli anni quaranta dell’Ottocento, le parlate della Slovacchia centrale.

Il 28 ottobre la Banca Nazionale della Slovacchia (NBS) emetterà una moneta commemorativa dal corso legale del valore di 2 euro con il ritratto di Ludovit Stur. Sempre nella stessa data sarà disponibile una medaglia in argento (valore nominale 10 euro) di 34 millimetri di diametro. Entrambi i coni sono prodotti dalla zecca nazionale di Kremnica.

(Fonte Tasr)

__
Foto: monumento a Stur a Modra – Jo Saul@flickr

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google