Meciar: HZDS cerca un leader per le elezioni del 2014

Il Partito del Popolo – Movimento per una Slovacchia democratica (LS-HZDS) è alla ricerca di un nuovo leader per le elezioni generali nel 2014. Vogliamo trovarlo entro due anni, ha detto Sabato il suo presidente Vladimir Meciar a Nitra, aggiungendo che il partito sta preparando un proprio governo ombra. Il nuovo leader dovrebbe aiutare il partito a rinfrancare gli elettori per riportare la formazione in Parlamento, e Meciar ha escluso che il suo successore possa essere un membro della sua famiglia.

Il partito HZDS non ha raggiunto il quorum del 5% alle scorse elezioni di Giugno, e ha dovuto lasciare il Parlamento dopo esserne stato per vent’anni prima dominatore e poi ago della bilancia. Meciar ritiene che gli attacchi dell’ex partner di coalizione Smer-SD contro gli altri membri della coalizione (HZDS e SNS) siano stati fatali a entrambi i partiti ‘minori’. Ammette, però, che il suo partito ha commesso anche degli errori. Meciar ha rifiutato di essere nominato presidente onorario del partito, dicendo che quella carica è come «un deposito per un nonno benemerito», e questo non è in linea con il suo carattere.

Secondo Meciar, che ha guidato il partito per 19 anni, le elezioni perse non significano la fine di HZDS, e lui non vuole mollarne il timone, almeno fino al nuovo leader. «Il partito non si sta disintegrando […], le sue strutture stanno ancora lavorando». Con le elezioni comunali alle porte (a Novembre), HZDS è pronto a cooperare e creare coalizioni con altri partiti. «Non ci sono restrizioni per la creazione di coalizioni», ha aggiunto.

Meciar vuole anche incontrare il leader Smer-SD ed ex Premier Robert Fico, che ha recentemente lasciato trapelare il suo interesse. Meciar sostiene che Smer non ha mai accettato LS-HZDS come partner, anche se «abbiamo lavorato per Smer, discutendo gli stessi problemi. Avremmo dovuto discutere sulle differenze. Non mi ero accorto che Smer è egocentrico. Vogliono governare da soli», ha detto Meciar.

Meciar ha poi informato di aver iniziato a scrivere le sue memorie. Il politico, un tempo il più popolare in Slovacchia, intenderebbe pubblicare dialoghi con i politici cechi del periodo poco prima della scissione della Cecoslovacchia. «Sono trascrizioni di nastri unici che possiedo», ha detto Meciar, che vuole pubblicarne i testi nonostante una promessa fatta ai cechi di non farlo. «Dopo tutti questi anni, non mi sento più vincolato da questa promessa», ha detto. Il primo capitolo del libro è già stato avviato e dovrebbe riguardare l’era del socialismo. L’intera opera dovrebbe concentrarsi sugli anni 1989-90.

(Fonte TASR)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*