Parlamento: no ai contraccettivi pagati dal sistema sanitario pubblico

parlamento_(foto_nrsr-sk)

Una proposta di parlamentari indipendenti ex SaS (oggi parte del nuovo partito Skok) sul sostegno alla contraccezione fornita a spese dell’assicuratore sanitario pubblico VsZP è stata rigettata martedì dal Parlamento. Secondo il deputato Juraj Miskov, «siamo quasi l’ultimo paese dell’UE che non dispone di contraccettivi pagati dal sistemi sanitario». La contraccezione, ha sottolineato, non è uno strumento del diavolo, come descritto da alcuni conservatori, ma un metodo moderno di genitorialità pianificata. La contraccezione, che le associazioni chiedono da tempo senza risultato di inserire in un programma di salute nazionale, sarebbe utilizzata da circa il 4% delle donne slovacche.

(Red)

__
Foto: Consiglio Nazionale della Repubblica Slovacca / nrsr.sk

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google