Praga, i 605 anni dell’Orologio astronomico di Praga festeggiati da un Google Doodle

praga-doodle

Il Google Doodle di oggi (visibile nelle edizioni nazionali di Google di molti paesi, ma per quella italiana) è dedicato all’Orologio astronomico di Praga, del quale proprio oggi ricorre il 605° anniversario. Il manufatto, chiamato in ceco Staroměstský orloj o anche Pražský orloj, è uno dei simboli più conosciuti della Praga turistica, ma anche simbolico della tecnica sopraffina raggiunta agli inizi del XV secolo e della ricchezza e importanza della città medievale di Praga.

Apposto montato sul lato sud del municipio della Città Vecchia, nella piazza omonima, l’orologio è composto da tre elementi principali: il quadrante astronomico sul quale, oltre all’ora, sono rappresentate le posizioni in cielo del Sole e della Luna insieme ad altre informazioni astronomiche; il “Corteo degli Apostoli”, un meccanismo che, allo scoccare di ogni ora, mette in movimento delle figure rappresentanti i 12 Apostoli; e un quadrante inferiore composto da 12 medaglioni raffiguranti i mesi dell’anno.

Praga (szeke@flickr)

Il meccanismo del quadrante astronomico, costruito nel 1410 dal maestro d’orologeria Mikuláš z Kadaň e da Jan Šindel, quest’ultimo professore di matematica ed astronomia dell’Università Carlo di Praga, è l’elemento più antico di quello che fu uno dei primi orologi astronomici progettati e costruiti durante il XIV e il XV secolo. Più tardi vennero aggiunti il quadrante del calendario e le sculture gotiche che decorano la facciata (cca. 1490), le statue mobili (XVII secolo) e le figure in legno degli Apostoli (1865-66).

Considerando che la gran parte del suo apparato originale rimane intatto (nonostante i danni causati dai nazisti nel 1945), questo è di fatto il più antico orologio funzionante del suo genere al mondo.

(La Redazione, fonte wikipedia, google)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.