Dogane dell’Europa centrale: lotta all’evasione e rischi del tessile asiatico

dogana-fisco_(financnasprava.sk)

In un incontro che si tiene nella città slovacca di Trencin i capi delle autorità doganali e fiscali del Quartetto di Visegrad (V4) hanno firmato ieri una dichiarazione sull’istituzione di controlli congiunti nelle importazioni di prodotti tessili e calzaturieri provenienti dai paesi asiatici, coordinandosi tra di loro nelle azioni di contrasto alle frodi, sull’esempio di simili operazioni comuni nel settore degli oli minerali.

Oltre ai funzionari di Slovacchia, Repubblica Ceca, Polonia e Ungheria, alla riunione partecipano anche i loro colleghi delle autorità fiscali di Austria e Slovenia, per una inedita versione “V6” del gruppo.

I rappresentanti delle sei nazioni hanno in particolare discusso di lotta all’evasione fiscale, che si ritiene potrebbe essere resa più efficace con una strategia e approcci unificati, con specifica attenzione ai controlli delle dichiarazioni di Imposta sul valore aggiunto (IVA) nello scoprire le frodi fiscali. Si è anche parlato di questioni relative al segreto fiscale, della revoca della partita IVA a soggetti fisici e giuridici, e delle ispezioni simultanee.

(Red)

___
Foto financnasprava.sk

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.