Ministro Lajcak: la crisi dei rifugiati può cambiare faccia all’Europa

lajcak_(foto foreign.gov.sk)

Nella sessione di settembre del parlamento slovacco, che ha aperto ieri con il tema migrazioni, è intervenuto il ministro degli Esteri Lajcak che ha evidenziato come non si tratti solo di Schengen e del suo futuro, «ma anche delle relazioni all’interno dell’Unione europea, del futuro della politica europea e forse anche del volto futuro dell’Europa».

«Sono in gioco i destini di persone, ma anche la forma del progetto europeo», ha rilevato il ministro, e l’attuale crisi dei rifugiati «sta minacciando l’area Schengen», e danneggia i rapporti all’interno dell’UE. Non è vero che la Slovacchia non mostra empatia partecipazione in questa crisi, ha detto Lajcak, sottolineando che «abbiamo sempre aiutato i nostri partner e continueremo a farlo».

Ma lui, ha dichiarato, è contrario «alla falsa solidarietà», preferendo soluzioni sostenibili a lungo termine e una migliore protezione delle frontiere esterne dell’Unione. Questo include l’apertura di hot-spot per la registrazione dei migranti e delle loro impronte nei paesi di ingresso, insieme a una efficace politica di rimpatrio [di chi non ha diritto all’asilo – ndr] e un elenco europeo di paesi di origine sicuri. Inoltre, Lajcak è a favore della creazione di zone di sicurezza nei paesi terzi, e di passi decisi contro i trafficanti di esseri umani anche grazie a una maggiore cooperazione dei servizi di intelligence.

Ribadendo la linea ufficiale della Slovacchia, sostenuta da un voto parlamentare del giugno scorso, Lajcak ha respinto con decisione l’idea di quote obbligatorie per il reinsediamento dei rifugiati come proposto dalla Commissione europea. Sulla questione quote, tuttavia, il capo del parlamento Peter Pellegrini ha detto in seguito che si tratta di un «problema vivo» e in continuo divenire, e per questo, nonostante la posizione assunta dall’assemblea in giugno, c’è bisogno di discutere di nuovo in quanto «da allora la situazione è cambiata».

(Red)

__
Foto foreign.gov.sk

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.