Migranti: indagini complesse per i 71 morti del camion in Austria

migranti-parndorf_270815_(dnes24.sk)

Le indagini sui 71 cadaveri (di cui 8 donne e 4 bambini) ritrovati lo scorso 27 agosto in un camion a Parndorf, in Austria, vicino alle frontiere ungherese e slovacca, rimangono ancora senza risposte. Nessuno dei corpi, che erano in avanzato stato di decomposizione (tanto che all’inizio si pensava che i morti fosse in un numero tra 20 e 50) è stato ancora identificato, e alcuni non lo saranno mai.

La squadra di investigatori e medici che se ne sta occupando lavora 16 ore al giorno. La maggior parte degli esperti sono persone che nel 2004 hanno lavorato nell’identificazione delle vittime dello tsunami che colpì le coste thailandesi e indonesiane. Le indagini sono condotte anche a Vienna e Eisenstadt. I 71 corpi sono stati portati prima in ex una clinica veterinaria, a Nickelsdorf, vicino al luogo dove è stato trovato il camion, svestiti; poi sono stati mandati a Vienna nel weekend per gli esami della polizia scientifica. A Vienna i medici legali stanno raccogliendo impronte dentali, DNA e segni particolari come cicatrici, impianti o tatuaggi: tutte le informazioni vengono inserite in un software utilizzato anche dall’Interpol, un’organizzazione internazionale che facilita la cooperazione di polizia e il contrasto al crimine internazionale.

Leggi l’articolo sul sito de IlPost.it.

Foto dnes24.sk

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.