Arrivano regole per l’uso dei droni in Slovacchia

drone_(Dkroetsch_CC0)

L’Autorità dei Trasporti slovacca ha stabilito delle limitazioni all’utilizzo di droni nel paese, citando come ragioni problemi di sicurezza. Reagendo al recente forte aumento di vendite di droni (+850% rispetto allo scorso anno), ha deciso di regolare il funzionamento di veicoli aerei senza equipaggio. Il capo della divisione per l’aviazione civile dell’authority Martin Němeček ha detto in una conferenza stampa che ai droni sarà proibito il volo notturno, e l’utilizzo diurno sarà regolato, con adeguate condizioni di visibilità, restringendone il volo ad esempio in prossimità degli aeroporti e, per le macchine telecomandate più grandi, anche sulle zone abitate. Němeček ha detto che in alcuni casi in Slovacchia i droni hanno interrotto la zona di protezione dell’aeroporto. In questi casi, l’operatore potrà ricevere una multa di 330 euro. La zone di rispetto per l’utilizzo dei droni sono state fissate a 3,7 km per gli aeroporti e 1,5 km per le aree abitate o i grandi raduni di persone.

Ad essere toccati dalla norma restrittiva saranno quei velivoli al di sopra dei 20 chilogrammi di peso, che dovranno essere autorizzati dall’Autorità dei Trasporti. Questo includerebbe anche i droni che potrebbero essere utilizzati per attività come la distribuzione di merci o servizio postale. L’autorizzazione equivale a un ‘patentino’ che si ottiene passando un esame teorico e pratico. In caso siano usati per effettuare riprese con macchine fotografiche e videocamere, dovranno anche chiedere il permesso al Ministero della Difesa, una licenza che costerà 600 euro, e i droni dovranno rimanere entro i 120 metri di distanza dall’operatore, che dovrà mantenerli in visuale per tutto il tempo del volo.

La ragione di tali restrizioni, e della registrazione dei proprietari/utenti, è legata alla possibilità che, con tanti droni in giro (Němeček crede ce ne siano 10mila in Slovacchia) se succede qualcosa è necessario per le autorità sapere chi è il suo titolare.

I droni per scopi commerciali o di ricognizione fotografica sono da qualche tempo utilizzati in Slovacchia da geometri, cartografi e aziende. Spesso indicati con l’acronimo UAV (Unmanned aerial vehicle), i droni cui ci si riferisce sono mezzi volanti di piccola taglia generalmente pilotati da terra per mezzo di un telecomando. Ci si riferisce soprattutto a droni classificati nelle categorie Nano, Micro e Mini, che sono in genere (come quello nella foto) dei quadricotteri (o anche ottocotteri), a seconda del numero di eliche (e motori) di cui sono muniti, e che non superano il peso di 5 fino a 20 chilogrammi. Hanno un raggio operativo da 1 a 10 chilometri, e possono arrivare a un massimo di 100 e fino a 250-300 metri di altitudine. Il loro utilizzo è ormai consolidato per usi militari e crescente anche per applicazioni civili, ad esempio in operazioni di prevenzione e intervento in emergenza incendi, per usi di sicurezza non militari, per sorveglianza di oleodotti, con finalità di telerilevamento e ricerca e, più in generale, in tutti i casi in cui tali sistemi possano consentire l’esecuzione di missioni “noiose, sporche e pericolose” (dull, dirty and dangerous) spesso con costi minori rispetto ai velivoli tradizionali (Wikipedia).

Il primo ministro Robert Fico ha lamentato lo scorso anno di essere stato più volte spiato a casa sua da un drone munito di videocamera che stazionava davanti alle finestre della sua abitazione al terzo piano nella zona del Castello di Bratislava.

(Red)

__
Foto Dkroetsch CC0

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google