Slovacco morto in sparatoria con la polizia in Nuova Zelanda

nuovazelanda

Domenica la polizia della Nuova Zelanda ha sparato a un 21enne slovacco, uccidendolo. Il ragazzo, il cui nome è Dávid Červeň, era sospettato per aver commesso tre rapine aggravate nella capitale Auckland. Il fatto è avvenuto in un parco del centro cittadino, dopo che lo slovacco aveva chiamato la polizia annunciando di essere armato. Nella conferenza stampa successiva all’uccisione, la polizia ha fatto sapere di non poter confermare se la vittima avesse un’arma con sé, né era in grado di confermare quanti colpi sono stati sparati contro di lui. Tutte questioni che un accurato esame della scena, l’autopsia e una indagine dovranno appurare.

Il capo della polizia ha comunque lanciato un avvertimento a 360 gradi: chiunque minacci l’uso di armi da fuoco e sia sospettato di volerle utilizzare si mette in una posizione pericolosa e sarà trattato in modo adeguato dagli agenti della polizia neozelandese.

Dávid Červeň era arrivato in Nuova Zelanda il 20 marzo scorso con un visto vacanza-lavoro della durata di 12 mesi.

(Red)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.