Euro versus Europa, un falso problema

euro

Fuori o dentro l’Euro, è il dilemma che spesso viene posto. Mentre il buon senso potrebbe far considerare anche un eventuale, parziale passo indietro per farne poi due in avanti

Giorni fa, in pieno dramma greco, Antonio Polito scriveva un editoriale su Il Corriere delle Sera, il cui incipit era: Non c’è Europa senza Euro, non c’è Euro senza Europa. Il fatto che affermazioni del genere trovino spazio in un quotidiano storico a tiratura nazionale come questo, dà per intero la povertà e il livello di certa analisi, almeno di quella “ufficiale”. La prima affermazione è infatti un falso storico ed attuale.

La Comunità europea c’era prima dell’Euro, oggi ci sono paesi che non fanno parte dell’eurozona, ed è concepile anche senza una moneta comune. La seconda affermazione, non c’è Euro senza Europa, è poi una banalità assoluta che non vale la pena commentare. Si è fatto dell’Euro un feticcio facendolo coincidere con la stessa idea di Europa. Scambiando i mezzi con gli obiettivi e spesso sbagliando anche questi. Essendo la moneta un mezzo e l’ “obiettivo ideale un mondo in cui il progresso sociale e civile non rappresenti un sottoprodotto dello sviluppo economico”; che nemmeno c’è e difficilmente ci potrà essere in tali condizioni. La tesi dei propugnatori, in buona fede, della moneta unica era che questa avrebbe favorito politiche istituzionali, economiche e sociali di armonizzazione tra i paesi europei, insieme al processo di unificazione politica. Inoltre, avrebbe costretto i medesimi paesi ad affrontare le antiche e nuove tare e le proprie debolezze nazionali. In un’Europa in cui persiste un forte dumping sociale e persino fiscale (Junker docet, e non da solo), mentre si impediscono (a discrezione) gli “aiuti di Stato”. Tutto questo non è avvenuto, e il principio della realtà, e non quello dell’arroganza intellettuale e soprattutto degli interessi, vorrebbe che si riconoscesse che l’Euro ha ottenuto l’effetto contrario nei suddetti campi. Trascinando al ribasso tutti gli indicatori economici e sociali europei, in particolare di quelli aderenti all’Eurozona, e con maggior danno ovviamente dei paesi più deboli.

[…]

Giuseppe Amari – Prosegui la lettura su Sbilanciamoci.info.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google