Magistratura, al vaglio nuove regole per i pubblici ministeri

giustizia_giudici_(3989418655-ssalonso)

Il Procuratore generale della Slovacchia Jaromír Čižnár ha preparato una serie di modifiche delle norme che riguardano l’attività dei pubblici ministeri. I cambiamenti, i primi da 16 anni a questa parte, riguarderanno ad esempio il mandato del Procuratore generale, che potrà rimanere al suo posto anche oltre i 7 anni finché non avviene la nomina di un nuovo candidato da parte del Parlamento. Viene istituita una commissione etica di nove membri che si pronuncerà sul comportamento dei procuratori in base a un nuovo Codice Etico, anche su fatti non denunciati in modo ufficiale ma, ad esempio, appresi dai media.

I pubblici ministeri potranno essere degradati a un livello inferiore quando non svolgeranno correttamente i propri compiti, e dovranno presentare più dettagliate dichiarazioni sulle loro proprietà ed entrate, inclusi i prestiti, dati o ricevuti, oltre i 6600 euro. Potranno avere dei premi in denaro per lavori di particolare valore e i loro salari non verranno più congelati. Le procedure di selezione dei procuratori, poi, saranno più trasparenti.

Ora gli emendamenti andranno presentati per i commenti interministeriali, ma alcuni criticano il fatto che nonostante i cambiamenti ci sarà ancora una mancanza di controllo pubblico sulla magistratura.

(Red)

__
Foto ssalonso CC-BY-SA 2.0

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.