Reputation mondiale, l’Italia recupera terreno

Italia_(roevin 339100247 CC-BY)

Buone notizie sul fronte dell’immagine dell’Italia all’estero. In base al rapporto 2015 del Reputation Institute di New York, pubblicato su Business Insider e ripreso da Askanews, la reputazione dell’Italia sarebbe in netto miglioramento nello scenario internazionale, davanti a Germania, Giappone e Francia e poco dietro il Regno Unito. Per quanto riguarda l’approccio metodologico dello studio, il Country Reptrack Report valuta la reputazione dei 55 paesi con il più alto PIL al mondo. La reputazione – intesa come reazione emotiva che ha un soggetto quando sente il nome di un paese – è misurata prendendo in considerazione la fiducia, la stima, l’ammirazione ed il rispetto espressi all’interno di un campione di 27mila persone rappresentante i paesi del G8. L’indagine prevede una lista di 16 caratteristiche del paese esaminato, dalla percezione di sicurezza che il paese trasmette, all’accoglienza dei suoi abitanti, alla capacità del suo governo di attuare in concreto riforme economiche e sociali, ed anche alle sue bellezze storico ambientali.

In cima alla classifica si piazza saldamente il Canada (con un indice di reputazione di 78.1 a guidare il segmento di paesi con “Strong Reputation”), seguito per i nove posti successivi da una grande maggioranza di nazioni europee: Norvegia, Svezia e Svizzera, Finlandia, Danimarca, Olanda e Belgio, salvo Australia e Nuova Zelanda che si sono inseriti rispettivamente in 5a e 7a posizione. A seguire Irlanda, 11a, Austria, 12a e Regno Unito, 13o. In14a posizione, nel segmento “Moderate Reputation”, ecco finalmente l’Italia, che mette a segno un forte recupero rispetto all’anno scorso (+2 posizioni, con indice 69.4). Dopo di noi, la Germania (15a), il Giappone (16o), la Spagna (17a), il Portogallo (18o), la Francia (19a) e Singapore (20o). Bassi in graduatoria gli Stati Uniti, scivolati in 22a posizione.

Immagine: www.businessinsider.com – Clicca per zoomare

(Paola Barni, via Webitmag.it)

__
PS: in questa classifica non appare la Slovacchia, il cui PIL non rientra tra i 55 più alti al mondo. Ci sono invece Polonia e Repubblica Ceca, in 23a e 24a posizione, con un coefficiente di 56.8 e 56.5, appena un pelo superiore alla media globale di tutte e 55 le nazioni considerate (56.3), e un po’ più in basso la Romania, al 44o posto con indice 43.9. Tutti e tre questi paesi sono nel segmento di “Weak Reputation”. (La Redazione)

__
Foto roevin CC-BY 2.0

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google