Rifugiati, Slovacchia e Austria firmano intesa per il trasferimento di 500 persone

rifugiati_(DFIF-UK CC-BY)

È stato firmato oggi a Vienna un memorandum di intesa per il trasferimento temporaneo di 500 richiedenti asilo dalle strutture austriache a quelle slovacche. Nel documento, firmato dal ministro degli Interni slovacco Robert Kalinak e dal suo omologo austriaco Johanna Mikl-Leitner, la Slovacchia si impegna ad accettare in via transitoria e gradualmente 500 migranti dal sovraffollato campo profughi di Traiskirchen, vicino a Vienna. Queste persone, che hanno chiesto asilo in Austria, verranno rimpiazzate via via che le autorità austriache esamineranno e approveranno le loro pratiche di asilo. In ogni caso, questi profughi non resteranno in Slovacchia.

La Slovacchia si impegna a fornire la capacità ricettiva in una struttura residenziale, e le spese derivanti dal rispetto dell’impegno preso con il memorandum, come alloggio e cibo, mentre l’Austria dovrebbe sostenere le spese dei trasferimenti e una diaria per i richiedenti asilo, oltre ad eventuali danni che gli immigrati dovessero procurare alle strutture di accoglienza.

La struttura identificata dal governo per accogliere i rifugiati è un immobile affittato allo scopo dall’Università di Tecnologia (STUBA) nella località di Gabčikovo (regione di Trnava), non distante dalla capitale Bratislava. Diversi residenti del villaggio hanno espresso preoccupazione per l’arrivo dei profughi e firmato una petizione contro il loro trasferimento. Il comune ha indetto per il 2 agosto un referendum sulla questione.

(Red)

___
Foto: rifugiati yazidi in Siria, 2014 (DFID UK CC-BY-2.0)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google