Ucraina, un anno dopo. Nessun colpevole per lo schianto del volo MH17

aero_(flyforfun_3195050178@flickr)

Ucraina: il 17 luglio 2014 il boeing 777-200ER del volo Malaysia Airlines 17 , più conosciuto con la sigla MH17, partito da Amsterdam e diretto a Kuala Lumpur precipitava abbattuto da un missile nell’est dell’Ucraina dove da alcuni mesi si combatteva una sanguinosissima guerra per l’annessione di quei territori alla Russia. 298 le vittime, soprattutto di nazionalità olandese, australiana e malese.

Cerimonie di commemorazione si sono svolte oggi in diversi paesi. A Kiev l’ambasciata olandese è stata ricoperta di fiori, nei Paesi Bassi le bandiere saranno a mezz’asta per l’intera giornata, a Canberra il primo ministro Tony Abbott ha scoperto nei giardini del Parlamento una targa con i nomi delle 39 vittime. In Malesia, invece, una cerimonia commemorativa si è tenuta l’11 luglio.

Ad un anno di distanza dalla tragedia ancora non è stato trovato un colpevole e gli interrogativi su chi lanciò il missile restano aperti. I governi di Russia ed Ucraina continuano a lanciarsi reciproche accuse e un’inchiesta realmente obiettiva sembra molto difficile , e perché i primi investigatori giunsero sul posto solo due settimane dopo l’accaduto, e a causa delle forti pressioni che la Commissione investigativa internazionale, appositamente costituita, deve subire.

Continua a leggere.

___
Foto (part) Kent Wien CC-BY-NC 2.0

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.