Dzurinda: l‘Ucraina dovrebbe essere citata più spesso ai tavoli europei

Si dovrebbero sentire più spesso voci che parlano a nome dell‘Ucraina ai tavoli europei, ha detto il Ministro degli Esteri slovacco Mikulas Dzurinda ad un briefing nella località di Vysne Nemecke (regione di Kosice) dopo il ritorno Venerdì da una visita a Uzhgorod, nella regione subcarpatica dell‘Ucraina. Secondo Dzurinda, la sua visita alla città di confine ucraino ha colto i suoi obiettivi. «Ho avuto due intenzioni: da un lato incoraggiare la comunità slovacca locale nei suoi sforzi per completare la ricostruzione delle loro scuole elementari e superiori a Uzhgorod, che sono frequentate anche da bambini ucraini. Un altro obiettivo era dimostrare serio interesse della Slovacchia per l‘Ucraina, il nostro più grande vicino, e il solo che non è membro dell’Unione Europea», ha spiegato Dzurinda, aggiungendo che intende sviluppare la cooperazione dell‘area orientale della Slovacchia con questa regione ucraina.

Dzurinda ha osservato che è necessario adoperarsi per eliminare gli ostacoli relativi alla concessione di visti per gli ucraini (gli slovacchi invece non hanno bisogno di visti per visitare l’Ucraina). «Tuttavia, vi è anche una soluzione più radicale – la prospettiva europea dell’Ucraina. Se l’Ucraina diventa membro dell’UE, non ci sarà bisogno di visto», ha spiegato. Il capo della diplomazia slovacca ha dichiarato che l’Ucraina non è citata spesso nei colloqui a livello di UE. E dunque «è anche compito della Slovacchia fare sì che la voce dell’Ucraina sia ascoltata», ha aggiunto. Dzurinda ha anche commentato le lunghe code al confine ucraino-slovacco, affermando che la colpa è soprattutto imputabile alla troppa burocrazia.

(Fonte

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.