Min.Giustizia: stretta sugli slovacchi nei gruppi paramilitari stranieri

ucraina_mariupol-giu14_(flickr-14250296518)

Un emendamento al codice penale slovacco preparato dal Ministero della Giustizia vuole vietare espressamente la partecipazione di cittadini slovacchi a gruppi paramilitari stranieri. La legge attuale vieta la partecipazione ad eserciti stranieri, attuabile soltanto con uno speciale permesso da parte dello Stato, ma non fa menzione alle forze o milizie irregolari e volontarie. Con il nuovo provvedimento si arriva a punire tale azione con una pena fino a otto anni di carcere. L’emendamento tratta anche del reclutamento di combattenti o della raccolta di aiuti finanziari per le unità paramilitari straniere.

La cosa è divenuta una priorità dopo che si è scoperto il mese scorso che alcuni slovacchi stanno partecipando a operazioni di combattimento in Ucraina orientale con una unità paramilitare separatista filo-russa composta di mercenari cechi e slovacchi. I media hanno scritto che l’unità speciale ceco-slovacca opera all’interno della brigata internazionale della 15esima  armata della autoproclamata Repubblica di Donetsk.

(Red)

__
Foto Atlantic Council CC-BY-NC-ND 

Tweet -Ucraina: “generali russi comandano i separatisti”

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.