Atene con il fiato sospeso

grecia_(telemax-3477004091-CC-BY-NC-ND)

È andata male. Nonostante l’ottimismo di martedì sera non ci sarà alcun compromesso sulla Grecia, o comunque non prima del referendum di domenica prossima. Ma come siamo arrivati a questo fallimento? E quali saranno le sue conseguenze?

Mercoledì mattina la situazione era ancora sotto controllo. Come stabilito alla vigilia durante una videoconferenza dell’eurogruppo (l’insieme dei ministri delle finanze dell’eurozona), il primo ministro greco aveva accettato per iscritto le ultime proposte dei suoi partner europei apportando soltanto alcune modifiche minori.

Al termine del pomeriggio era in programma un’altra riunione dell’eurogruppo per stabilire a grandi linee il nuovo piano di aiuti per la Grecia. Tutto come previsto e come avevamo anticipato mercoledì, ma improvvisamente Alexis Tsipras ha dichiarato in televisione che il referendum è confermato, chiedendo ai greci di votare no. Continua su Internazionale.it.

(Bernard Guetta)

grec

Foto Tilemahos Efthimiadis CC-BY-NC-ND

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.