Gli scherzi su bombe o attentati in aeroporto non fanno ridere. Firmato: la polizia

bomba

La polizia slovacca, insieme con l’Aeroporto internazionale di Bratislava M.R. Stefanik invitano i passeggeri ad evitare in ogni modo durante la loro permanenza presso lo scalo della capitale a parlare di bombe o altri argomenti simili, evitando così a se stessi e agli altri passeggeri un sacco di problemi. Di fatto, chiunque anche solo per scherzo nominasse termini come “bomba”, “attentato”, omicidio” può innescare una procedura automatica di emergenza per ‘attentato alla sicurezza aerea’, che può portare alla chiusura ed evacuazione dello scalo e a controlli capillari, avendo come conseguenza considerevoli ritardi nei voli e stress collettivo per centinaia se non migliaia di passeggeri e per le autorità che sono chiamate ad eseguire la procedura con agenti, artificieri, e cani addestrati.

In un comunicato congiunto di aeroporto e polizia intitolato “Žarty o bombe na letisku nie sú vtipné” (Gli scherzi sulle bombe in aeroporto non sono divertenti) si arriva addirittura a segnalare come ‘pericolosa’, e dunque alla fine vietata, una frase innocente come “Toto letisko je bomba” (Questo aeroporto è una bomba), che al pari di altre parole e frasi considerate ambigue potrebbe portare a una accusa di “diffusione di voci false e atti di interferenza illecita con le attività di aviazione civile”. In tal caso, se tale azione viene valutata solo come un reato minore, l’Autorità del traffico slovacca può imporre una multa fino a 3.300 euro.

(Red)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.