Ex consigliere del Premier Radicova in carcere per corruzione

giustizia_giudici_(3989418655-ssalonso)

Martin Novotny, ex consigliere del Primo Ministro Iveta Radicova (2012-2014), e Igor Liska, ex ambasciatore slovacco in Kenya, sono stati condannati rispettivamente a 18 e 15 mesi di carcere, senza sconti, per aver incassato una tangente per garantire sussidi governativi per il completamento di una struttura di biathlon nel villaggio di Osrblie.

Per loro anche una multa di 15.000 euro ciascuno (oppure sei mesi in più di galera) per essersi intascati una bustarella di 30.000 da uomo d’affari nel luglio 2011 che avrebbe dovuto assicurare all’organizzazione un contributo dieci volte tanto (300.000 euro) dall’Ufficio del governo per il completamento dei lavori.

Si tratta della prima volta nella storia della Slovacchia che un membro dell’esecutivo va in galera per corruzione. Il presidente del Senato della Corte Suprema, dove il caso è arrivato dopo diversi ricorsi, ha detto che la pena è dovuta perché gli imputati non sembravano per nulla dispiaciuti di quanto fatto, rimpiangevano soltanto si essere stati scoperti. La Corte Suprema ha così cancellato una condanna precedente della Corte Penale Specializzata dello scorso anno che aveva sospeso le pene, limitando la multa a 10.000 euro.

I due condannati, che erano stati colti sul fatto dalla polizia mentre gli veniva consegnata la tangente, avevano anche promesso di far arrivare una sovvenzione dal Ministero dell’Istruzione e Sport, e l’organizzazione ha ottenuto in totale 1,6 milioni di euro pubblici, da fondi del Primo ministro e del ministero.

(Red)

Foto ssalonso CC-BY-SA

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google