Pagare 50 euro extra per parlare in inglese all’ospedale

lingue_elab.BS

È successo alcuni giorni fa a Bratislava, più precisamente presso l’Ospedale pediatrico nella zona di Kramare, e ne ha parlato il quotidiano Sme sul suo sito. Una ‘diplomatica straniera’ residente nella capitale, che ha preferito rimanere anonima (dice Sme che lavora nell’ambasciata di uno stato dell’Europa meridionale), si è vista fatturare ben 81 euro dalla dottoressa che ha visitato il figlio presso il pronto soccorso del suddetto ospedale. Di questi, solo 31 corrispondevano all’effettivo servizio.

La ragione dei restanti 50 euro? Né la donna né il figlio parlano lo slovacco, e dunque la dottoressa ha dovuto ‘sforzarsi’ di parlare in inglese. Un impegno che è costato caro. La diplomatica non è in possesso di alcuna assicurazione medica slovacca e, di conseguenza, paga direttamente i servizi sanitari. La signora ha contattato Sme pensando a una frode, ma così non è: l’Elenco dei servizi medici per il settore sanitario slovacco (come da Decreto del Governo della Rep. Slovacca n. 223/2005 del 4 maggio 2005) include chiaramente tra i servizi addebitabili al paziente (o all’assicurazione sanitaria), la stesura di certificati medici in lingua straniera, un consulto sulla base di certificati redatti all’estero, e anche l’utilizzo di una lingua straniera durante la comunicazione col paziente (punti 79a e 79b).

Resta da capire quale sia il margine di arbitrio dell’ospedale stesso nel fatturare ben 50 euro: si tratta forse di una cifra forfettaria? Sarebbe inquietante constatare un’applicazione sregolata di questa legge. Ma forse ancora di più inquieta che nel XXI° secolo una legge di uno Stato membro dell’UE preveda questo tipo di servizio tra quelli a pagamento. Qui stiamo parlando di una lingua, quella inglese, usata comunemente nei congressi scientifici a livello internazionale, Sarebbe curioso capire anche se la dottoressa in questione ha (e se esiste) una specializzazione specifica per poter utilizzare con cognizione di causa la lingua inglese nel suo lavoro di medico, o se l’addebito può essere fatto da tutti i medici anche se la loro conoscenza di una lingua straniera si limita a quattro parole in croce.

In ogni caso, gli italiani residenti in Slovacchia con scarse capacità linguistiche indigene sono avvertiti.

Qui un riepilogo dei due punti in questione del decreto 223/2005, consultabile sul sito del Ministero della Salute della Repubblica Slovacca a questo indirizzo.

KATALÓG ZDRAVOTNÝCH VÝKONOV [Elenco dei servizi medici]

79a. Vystavenie lekárskej správy v niektorom zo svetových jazykov alebo preklad lekárskej správy zo svetového jazyka. [Stesura di certificati medici in una lingua straniera o traduzione di certificati da una lingua straniera].

79b. Používanie svetového jazyka pri komunikácii s pacientom. [Utilizzo di una lingua straniera durante la comunicazione con i pazienti].

(Marcello Bolpagni)

__
Fonte Sme.sk, Jan Krempansky. Immag: elaboraz. BS

3 comments to Pagare 50 euro extra per parlare in inglese all’ospedale

  • Franco Wendler

    Sfortunatamente, mi è capitato spesso in questi ultimi tempi di frequentare gli ospedali della capitale. Nessuno mi ha addebitato alcunchè per avermi parlato inglese, anche perchè, tra l’altro, lo parlano in pochissimi.
    Discussione molto più interessante sarebbe invece quella sulla competenza di certa sanità slovacca.

  • paolo libuda

    Al di là del fatto che sia o meno corretto far pagare per tradurre in inglese, va rilevato che aspettarsi che un medico slovacco, a casa propria, debba parlare in inglese, equivale ad aspettarsi che lo stesso accada in un ospedale italiano, e sarei curioso di sapere quanti medici italiani siano in grado di farlo. Vero è che in Slovacchia risiedono – anche da decenni – italiani i quali non sanno nemmeno comporre frasi elementari in slovacco, forse sono questi ultimi che dovrebbero provare a imparare la lingua del Paese che li ospita, no?

  • Franco Wendler

    Caro Sig.Paolo Libuda l’inglese è sconosciuto qui come in Italia, ed ha ragione sul fatto che dovremmo (e dovrei) imparare lo slovacco.
    Vero è che l’Inglese è una delle lingue ufficiali dell’Unione Europea.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google