IFP: PIL slovacco +3,2% quest’anno. Ministro: per l’anno prossimo faremo anche meglio

soldi-economia_(Tax-Credits_7027587393@flickr_CC)

Il Ministro delle Finanze Peter Kazimir ha commentato l’altro ieri le ultime prognosi dell’Istituto di politica finanziaria (IFP), braccio statistico dello stesso ministero, dicendo che l’ambizione del governo è quella di raggiungere quest’anno «la crescita economica del 3% e provare a muoverci verso il 4% l’anno prossimo». L’ultima stima dell’IFP, che conferma altri dati emersi nei giorni scorsi (Ufficio di Statistica, Banca Nazionale, Commissione Europea), dice che nel 2015 il PIL slovacco farà un exploit con un risultato a fine anno del +3,2%, ben 3 decimi percentuali in più rispetto alla precedente prognosi trimestrale. Si tratta del dato più positivo in Slovacchia degli ultimi cinque anni, e di uno dei risultati migliori nella regione centroeuropea, che nel prossimo anno potrebbe arrivare al vertice di tutta l’Unione europea, gli ha fatto eco il Primo ministro Robert Fico.

Le ragioni di questi buoni risultati sono, secondo IFP, la domanda interna, che segna una buona ripresa, insieme a buoni dati nel settore esportazioni. Inoltre, si nota una ripresa anche negli investimenti, sia pubblici che privati, non solo dei grandi gruppi ma anche di piccole e medie imprese, ha detto il ministro. La dimostrazione è l’aumento dei prestiti concessi dalle banche negli ultimi due mesi, ha sottolineato.

Kazimir ha poi ricordato che anche l’occupazione sta seguendo un trend positivo, e l’anno si chiuderà con un 12,1% di disoccupati, per poi ridursi ancora all’11,3% nel 2016.

Rimangono delle nuvole all’orizzonte, come la crisi in Ucraina e il caso della Grecia, che potrebbero portare guai, ma si vedono anche buone prospettive per iniziative come il pacchetto pro-investimenti deciso da Juncker (da 315 miliardi) che potrebbe davvero fare la differenza, insieme a un calo del prezzo del petrolio in seguito all’immissione dell’oro nero iraniano dopo la fine delle sanzioni.

(Red)

Foto Tax Credits CC-BY

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.