Polizia: fermati diversi clandestini portati dall’Ungheria, tre casi in pochi giorni

giustizia_(v1ctor_7606416730@flickr_CC)

Secondo quanto scrive l’agenzia Tasr, un 48enne romeno è accusato di traffico di esseri umani per aver cercato di trasportare quattro immigrati clandestini attraverso il valico di frontiera di Čunovo, poco lontano da Bratislava, dall’Ungheria verso la Slovacchia. L’uomo sarebbe stato pagato con 400 euro per far attraversare il confine ai quattro clandestini, provenienti dalla Siria e di età tra i 26 e i 43 anni. La pena prevista per tale reato arriva fino a 8 anni di reclusione. I migranti, non avendo presentato domanda di asilo, saranno restituiti all’Ungheria nei prossimi giorni, ha fatto sapere la direzione centrale della polizia slovacca. La polizia ha ricostruito il percorso dei migranti, dalla Siria attraverso il Libano, e poi in Turchia via mare, e poi sempre in barca in Grecia, da dove (dopo essere stati catturati dalla polizia greca ed essere riusciti a fuggire) hanno proseguito fino all’Ungheria, un viaggio durato diverse settimane. La destinazione finale era la Germania.

Ma non è il solo caso registrato ultimamente, sono tre i gruppi di clandestini (piccoli gruppi per la verità) che hanno tentato di entrare nel Paese negli ultimi giorni. Sempre a Čunovo era stato fermato dalla polizia di frontiera un van con targa austriaca guidato da un bulgaro. Alla richiesta di aprire il portellone posteriore, la sorpresa: seduti sul pavimento erano otto uomini senza documenti, che asserivano essere arrivati dalla Siria. Lo stesso è capitato con un’auto con targa tedesca con due cittadini tedeschi alla guida e sul sedile posteriore. Ma dietro erano invece due persone non identificate, probabilmente anche loro dalla Siria.

(Red)

Foto Victor CC-BY

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.