Merkel: nessun dubbio che Slovacchia sarà un partner responsabile

Il Cancelliere tedesco Angela Merkel non ha dubbi che la Slovacchia e il suo nuovo Governo saranno partner responsabili in futuro. Lo ha detto dopo l’incontro con il Premier slovacco Iveta Radicova a Berlino ieri, riferendosi al rifiuto della Slovacchia di fornire la propria quota di prestito alla Grecia, un passo per il quale la Merkel ha più volte espresso il proprio rammarico. Ha però apprezzato il voto della Slovacchia a favore del Fondo di stabilità finanziaria (EFSF), e ha dichiarato che il pacchetto di aiuti finanziari per la Grecia si sarebbe sviluppato in modo diverso se le elezioni generali in Slovacchia del Giugno scorso non avessero portato ad un cambio di Governo. «Sono convinta che non avremo simili problemi in futuro», ha dichiarato in una conferenza stampa dopo il colloquio con la Radicova.

Secondo il Cancelliere tedesco, l’Unione Europea deve risolvere problemi come il rispetto delle condizioni, incluso il Patto di stabilità, che è stato largamente ignorato negli ultimi due anni, con la maggior parte dei Paesi che presentano disavanzi che superano il 3% del loro PIL. La Merkel è convinta che dovrebbero essere introdotte sanzioni per i Paesi che non rispettano le regole.

La Radicova ha apprezzato l’apertura e la spontaneità dei colloqui su argomenti importanti con la Merkel. Ha concordato con la Merkel, che il non rispetto delle regole, dei contratti e del Patto di stabilità rappresentano una grande lezione per l’UE e gli Stati membri della zona euro per il futuro. «Siamo pronti a fare del nostro meglio perchè un simile precedente non si ripeta», ha detto la Radicova, aggiungendo che la Slovacchia dovrà sempre rispettare le norme stabilite del Patto di stabilità ed è anche pronta a rinsaldare le finanze pubbliche, avviare un ciclo di crescita economica e creare nuovi posti di lavoro. Ha sottolineato il fatto che la Slovacchia è sempre stato un membro stabile della UE e così rimarrà, difendendo i valori fondamentali dell’UE – tolleranza, solidarietà e democrazia.

Il Premier slovacco ha difeso il ‘no’ del Paese al prestito del valore di 816 milioni alla Grecia, accusandola di non aver rispettato il Patto di stabilità, presentando bilanci falsi, e evitando le dolorose riforme che hanno colpito i cittadini slovacchi. Ha detto che è necessario che i 27 Paesi dell’Unione Europea rispettino le regole del Patto e garantiscano un efficace controllo globale piuttosto che concentrarsi su come affrontare il deficit in uno specifico Paese. La Radicova ha concluso che la Slovacchia aveva il diritto morale di rifiutare il prestito alla Grecia, ritenendo che possa «contribuire ad avviare processi di rinnovamento e di rispetto delle regole».

(Fonte TASR)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google