Europa, verso un sussidio di disoccupazione. Le ragioni dei sì e dei no

gente (foto_alancleaver@flickr)

L’aumento del livello di protezione nei confronti delle categorie sociali più disagiate è diventato un tema centrale nel dibattito italiano attuale. Diverse sono le proposte sul tavolo, elaborate da gruppi politici ma anche da esponenti della società civile.

Alcuni hanno proposto un reddito minimo garantito per i disoccupati e le classi più disagiate, altri un reddito di cittadinanza universale, altri ancora un reddito di inclusione sociale, e infine alcuni hanno ipotizzato un reddito minimo per gli over 55.

In questo contesto s’è tuttavia trascurato il dibattito emerso negli ultimi anni in Europa relativo alla creazione di un sussidio europeo di disoccupazione all’interno dell’Unione economica e monetaria (Uem).

Questa misura allevierebbe gli effetti di una recessione economica, stimolando la domanda aggregata e bloccando il fenomeno della “corsa al ribasso”, ossia la tendenza a tagliare le risorse destinate agli stabilizzatori fiscali per far fronte alle esigenze di bilancio.

In che cosa consiste il sussidio?

Il sussidio europeo di disoccupazione è uno stabilizzatore fiscale automatico che coprirebbe tutti i disoccupati dell’Eurozona che hanno contribuito ai sistemi nazionali di previdenza sociale per almeno 12 mesi prima di perdere il lavoro.

Tenendo in considerazione le differenze nel Pil pro capite dei diversi Paesi membri, il sussidio dovrebbe corrispondere all’80 per cento dello stipendio medio nazionale e al 50 per cento di quanto si percepiva da occupati e durerebbe per un periodo di tempo limitato (12 mesi).

Lo schema sarebbe finanziato da tasse pagate da lavoratori e datori di lavoro raccolte attraverso le amministrazioni nazionali e gli Stati sarebbero liberi di destinare ulteriori risorse per rendere il sussidio più generoso.

Secondo diversi studi, tale misura avrebbe un impatto minimo sul bilancio dell’Eurozona: sarebbe costata circa 50 miliardi di euro (circa lo 0,5 per cento del Pil dell’Area Euro) se applicata tra il 2000 e il 2013.

Leggi il resto su Affarinternazionali.it.

Foto alancleaver@flickr

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google