Jan Hus, evento a Milano per i 600 anni dalla morte

Il rogo di Jan Hus (Ulrich Richental, 1430) Fonte: wikimedia commons

Si terrà a Milano venerdì 5 giugno una iniziativa in occasione dei 600 anni dalla morte del teologo Jan Hus, considerato il primo riformatore cristiano, che morì sul rogo a Costanza in seguito al pronunciamento dell’omonimo Concilio del 1415. I suoi seguaci, detti Ussiti, formarono un movimento che assunse un carattere insurrezionale con iniziali moti di protesta la cui violenza sfociò più tardi nelle Guerre Ussite.

Jan Hus, riformatore boemo vissuto cent’anni prima di Martin Lutero, predicatore e ‘maestro‘ universitario (fu rettore all’Università Carolina di Praga), fu un personaggio illuminato che ha influenzato profondamente il pensiero del popolo ceco. Lottava per la fede vissuta secondo il Vangelo e per la Chiesa autentica e “povera per i poveri”. Il Concilio di Costanza lo condannò come eretico e lo consegnò ai potenti dell’epoca perché fosse arso al rogo nel 1415.

Il Concilio Vaticano II ha preparato la via alla “purificazione della memoria”, e papa Giovanni Paolo II ha proclamato nel 2000 il memorabile “Mea culpa” per i peccati storici della Chiesa cattolica. Ha condannato la violenza e l’infedeltà di alcuni suoi membri che hanno troppo difeso ciò che non era da difendere e non hanno difeso ciò che era da difendere, che sono arrivati al sacrificio della vita di Jan Hus, il quale condannava ciò che egli chiamava Behemot, che oggi potrebbe definirsi “il sistema del totalitarismo clericale” causato da condizioni storiche e dal limite umano.

Durante la Preghiera ecumenica alla quale parteciperanno sia membri della storica Chiesa cecoslovacca hussita che prelati cattolici, Jan Hus sarà ricordato come profondo conoscitore delle Sacre Scritture e grande predicatore e insieme chiederemo al Signore anche per noi il dono di saper riconoscere e restare fedeli alla sua Parola, di essere cercatori della verità.

Nel convegno del grande pensatore e riformatore, dopo un breve saluto del Prefetto dell’Ambrosiana, mons. Franco Buzzi e del Console Onorario della Repubblica Ceca dott. Giorgio F. Aletti, prenderanno la parola diversi relatori: il vescovo Filip Štojdl, il vicario Lukáš Jan Bujna, ambedue della storica Chiesa cecoslovacca hussita, Marina Benedetti, professore ordinario di storia del cristianesimo presso l’Università degli Studi di Milano parlerà de “Le radici medievali della religiosità di Jan Hus”  e infine  lo storico don Gianluigi Panzeri. Modera Ruzena Ruzickova-Sanicola, dell‘Associazione Connazionali  e Amici della Repubblica Ceca.

Sarà presente l’ambasciatore della Repubblica Ceca presso la Santa Sede dott. Pavel Vošalík.

Preghiera: nel 600° dalla morte di Jan Hus
Dove: Chiesa di San Sepolcro, Piazza San Sepolcro – Milano
Quando: venerdì 5 giugno 2015 ore 16:30-18:00

Conferenza: „Jan Hus e la sua lotta per la chiesa pura“
Dove: Biblioteca Ambrosiana, Sala E.R.Galbiati, Piazza Pio XI, 2 – Milano
Quando: venerdì 5 giugno 2015 ore 18:00

Maggiori info e l’invito su: Milano.czechcentres.cz.

(Fonte: Ruzena Ruzickova-Sanicola)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google