Pechino, forum slovacco-cinese. Kazimir: vogliamo più imprese cinesi che portino know-how

cina_(tomasdev-5890291803@flickr)

Il presidente dell’Assemblea Popolare Nazionale Cinese Zhang Dejiang ha avuto oggi un colloquio con il presidente del Consiglio Nazionale della Repubblica Slovacca Peter Pellegrini. Secondo il funzionario cinese, le due istituzioni devono rafforzare ulteriormente gli scambi amichevoli a vario livello, rafforzare le consulenze e il coordinamento internazionali e multilaterali, tutelare gli interessi comuni e alimentare l’energia positiva di pace, cooperazione e sviluppo mondiale.

Pellegrini, dal canto suo, ha sottolineato l’ammirazione della Repubblica Slovacca per la Cina e le sue grandi conquiste di sviluppo, ed ha affermato di apprezzare l’importante ruolo da essa svolto negli affari regionali e internazionali. Anche lui ha ribadito il desiderio di rafforzare la cooperazione nei vari comparti, particolarmente nel settore agricolo, nella produzione alimentare, nella gestione delle risorse idriche e nella tutela dell’ambiente. Ulteriori spazi di cooperazione sono poi rintracciabili nelle relazioni bilaterali, per quanto riguarda il commercio e il turismo, ha detto Pellegrini, aggiungendo che la Cina è uno dei partner commerciali di primo piano della Slovacchia.

Entrambe le nazioni, ha sottolineato, hanno un ricco patrimonio culturale e naturale, potenziale importante per lo sviluppo del turismo.

I due si sono incontrati all’inaugurazione del Forum economico Slovacchia-Cina che si è tenuto stamane a Pechino, dove si è confermato l’interesse delle aziende cinesi nel perseguire progetti e investimenti nel settore dell’energia, ingegneria, trasporti e logistica nel Paese centroeuropeo.

Presente nella capitale cinese anche il Ministro dell’Economia ad interim Peter Kazimir, che ha dato il suo benvenuto all’interesse della Cina per grandi investimenti in Slovacchia – per diversi miliardi di euro, ha detto – e all’aumento delle aziende cinesi di medie dimensioni. Kazimir, che ha avuto modo di parlarne anche a quattr’occhi con il suo omologo cinese, Lou Jiwei, era parte di una delegazione di imprenditori slovacchi. A parte i grandi investimenti, Kazimir ha espresso il suo interesse in particolare ad espandere la rete di piccole e medie imprese cinesi in Slovacchia che potrebbero favorire un vero scambio di know- how ed esperienza.

Nei colloqui si è discusso della potenziale apertura di una banca o di una casa automobilistica cinese in Slovacchia, e della partecipazione di imprese cinesi a grandi gare (per la tangenziale di Bratislava come per una centrale idroelettrica sul fiume Ipel).

(La Redazione)

Foto Tomas Roggero CC-BY

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.