Corte dei Conti, eletto a presidente Karol Mitrik dopo tre anni di vacuum

nku_najvissykontrolnyurad

È stato eletto martedì dal Parlamento il nuovo capo della Corte dei Conti slovacca NKU (Najvyšší kontrolný úrad). Il voto segreto ha visto vittorioso con il sostegno di 82 deputati il nome di Karol Mitrik, candidato patrocinato dal leader di SDKU-DS Pavol Freso. Mitrik, 68 anni, ex sindaco di Spisska Nova Ves (città della regione di Kosice), è stato direttore dell’intelligence slovacca (SIS) durante il governo del Primo ministro Iveta Radicova (2010-12). A suo favore tutti deputati di Smer-SD, oltre a Freso. Contro di lui i voti di 43 deputati dell’opposizione con altri 16 che si sono astenuti. Mitrik andrà a sostituire Jan Jasovsky, il cui mandato è scaduto già da tre anni, periodo nel quale si sono tenute altre cinque sessioni di voto per eleggere il suo successore, senza però arrivare ad un accordo. La carica di capo della Corte dei Conti spetta all’opposizione, ma Smer, che mantiene la maggioranza assoluta alla camera unica, ha spesso ostacolato nomi non graditi.

L’altro candidato con maggiori possibilità di essere eletto, il procuratore Maros Zilinka, per il quale 60 deputati di opposizione avevano firmato la candidatura, ha ricevuto alla fine solo 54 voti, mentre l’opposizione dispone di 67 seggi.

L’elezione è arrivata dopo quasi due giorni di dibattito serrato. L’opposizione è furiosa, e accusa il partito di governo Smer di essersi scelto un suo proprio candidato che manterrà ubbidiente la quinta autorità dello Stato per i prossimi sette anni. Così il deputato indipendente e vicepresidente del partito extraparlamentare Siet Miroslav Beblavy, che ha sottolineato come Smer abbia usato il presidente SDKU Freso – soggetto facile da comprare, ha detto [alludendo alla debolezza di questo partito sulla scena politica attuale] – per prendersi anche questa posizione imponendo Mitrik all’opposizione. Una voce quella di Beblavy non solitaria nelle file di una opposizione che da anni si dimostra sempre divisa agli appuntamenti importanti. L’ex Ministro della Giustizia Lucia Zitnanska (Most-Hid) ha sottolineato come Smer abbia votato un proprio candidato, destinato a supervisionare un governo Smer fino alle elezioni del 2016. Sia Beblavy che Zitnanska hanno lasciato SDKU proprio a causa della gestione contestata di Freso, e lo accusano di avere seppellito un partito che un tempo era il più popolare del centrodestra.

A sigillare l’operazione il Premier Robert Fico, che ha detto che Mitrik era il candidato più all’opposizione di tutti i tre nomi proposti dai deputati dei centrodestra, negando quindi le accuse di aver derubato l’opposizione della nomina di una posizione importante e di controllo dell’operato dell’esecutivo. Mitrik è «un candidato dell’opposizione pulito come l’occhio di Dio», ha detto il Premier secondo Tasr. A rimarcare la cosa Fico ha ricordato che il candidato eletto è stato tra i fondatori del Movimento Cristiano Democratico (KDH), poi fondatore di SDKU, ed ex direttore dei servizi segreti quando al governo era Iveta Radicova (SDKU). La stessa Radicova, ha sottolineato il Premier, aveva detto «che è una persona con spina dorsale».

(Red)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google