Sondaggio: emorragia di consenso per Smer, mentre SNS conferma la fine della crisi

Robert-Fico_(foto_strana-smer.sk)

Nel più recente sondaggio sulle intenzioni di voto condotto dall’agenzia Focus nella prima metà di maggio, il partito al governo Smer-SD risulta avere il sostegno del 33,2% degli elettori. Un dato che risulta di oltre 4 punti percentuali inferiore rispetto alla precedente indagine di Focus fatta in aprile. Il risultato di maggio darebbe a Smer ‘appena’ 58 seggi in Parlamento (che ha 150 membri), mostrando così una insolita debolezza a dieci mesi dalle prossime elezioni parlamentari.

Secondo il recente sondaggio, il nuovo partito Siet/Rete risulterebbe secondo con il 10,7%, davanti ai cristiano-democratici (KDH) fermi al 9,4%. Gente Ordinaria (OLaNO) e Most-Hid (il partito slovacco-ungherese) guadagnano qualcosina rispetto al mese scorso, con un 7,8% per il primo e il 7,4% per il secondo.

Viene poi il Partito Nazionale Slovacco (SNS), che pare ormai essersi stabilizzato e in netta ripresa dopo una lunga crisi, con un 7,3%. Chiudono la lista dei partiti che entrerebbero in Parlamento (con un risultato superiore al 5%) l’ungherese SMK che ottiene il 5,4% e Libertà e Solidarietà (SaS) al 5%.

Rimane fuori il partito SDKU, nel pieno di una forte crisi – di leadership e credibilità al suo interno – che ha perso deputati e sostegno, passando in pochi anni da guida di un governo di coalizione (con Iveta Radicova – 2011-2013) a ultimo della lista, con l’attuale 2,3% e un grosso punto interrogativo sul suo futuro.

(Red)

Foto strana-smer.sk

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.