Orban: pena di morte, “ogni Stato Ue deve poter decidere”

Nonostante i richiami arrivati da Bruxelles, il premier ungherese insiste: “Non c’è ragione per cui tutti gli Stati Ue debbano pensarla allo stesso modo”

suicid_(stopherjones-5621940101@flickr) oena morte

Bruxelles – Rimproveri e avvertimenti non sembrano preoccupare il premier ungherese Viktor Orban che non molla sull’idea di reintrodurre la pena di morte nel suo Paese e anzi torna alla carica. “Vogliamo creare un’opinione pubblica europea favorevole a riportare tra le competenze nazionali la decisione se introdurre o meno la pena di morte”, ha dichiarato intervistato dalla radio pubblica ungherese Kossuth. “Non c’è ragione perché tutti i Paesi europei debbano pensare la stessa cosa su questa questione”, ha insistito Orban, secondo cui l’Ue dovrebbe seguire l’esempio degli Stati Uniti dove ogni Stato può decidere autonomamente.

La pena di morte è vietata dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Ue, alla quale l’Ungheria ha aderito nel 2004. Orban ha suscitato una levata di scudi a fine aprile, quando ha sostenuto che la questione della pena di morte, abolita nel 1990 in Ungheria con la caduta del comunismo, dovrebbe essere “rimessa all’ordine del giorno”. La Commissione era intervenuta per ricordare a Orban che “l’abolizione della pena di morte è una condizione preliminare per entrare nell’Ue”. Tornando sul tema oggi Orban ha assicurato di essere “dalla parte della vita”, ma la pena capitale, ha detto, è necessaria se è l’unico modo per proteggere i “cittadini rispettosi della legge, le persone innocenti”.

(Lena Pavese, EuNews.it)

Foto Chris Jones CC-BY-NC 2.0

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google