In Slovacchia pochi trapianti, e ancora meno donatori di organi

Ospedale di Banska Bystrica, sala operatoria

La Slovacchia è a fondo classifica in Unione europea per numero di donazioni di organi, cosa non dovuta solo a mancanza di donatori, dicono gli esperti, ma anche all’assenza di coordinatori di trapianti – che lavorano di solito a tempo pieno come medici negli ospedali – e di incentivi. Quei medici non hanno ragioni di prendersi lavoro aggiuntivo per seguire e incentivare le donazioni, secondo Zuzana Zilinska, che è presidente dell’Organizzazione Trapianti slovacca.

La questione sarebbe all’esame del Ministero della Salute slovacco, che ne ha discusso con le compagnie di assicurazione sanitaria. L’obiettivo è di arrivare a creare degli incentivi per i coordinatori e far pagare questi dalle compagnie di assicurazione sanitaria.

L’anno scorso sono stati effettuati 165 trapianti di organi a pazienti slovacchi, un numero che nell’ultimo decennio è progressivamente calato, ma sono oltre 440 le persone in lista d’attesa. In Slovacchia ci sono meno di 12 trapianti per milione di cittadini, la metà di quelli in Repubblica Ceca (25 per milione).

(Fonte RSI)

Foto Ospedale di Banska Bystrica, sala operatoria

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.