UniCredit: vendite al dettaglio +3,1 a Giugno, ma il segmento non alimentare è fermo

Le vendite al dettaglio a Giugno sono cresciute in misura significativa con il 3,1% (corretto delle variazioni stagionali, secondo il calcolo di UniCredit Banca sulla base dei dati forniti dall’Ufficio di Statistica). La crescita delle vendite nel mese di Giugno è stata principalmente sostenuta dal segmento alimentare che è cresciuto del 2,5% mensile, in particolare sono in crescita le vendite delle grandi catene di vendita al dettaglio. D’altra parte, ancora non si vede nessuna ripresa significativa del segmento non alimentare (che dipende maggiormente dal potere di acquisto dei cittadini). Le vendite nel segmento non alimentare sono aumentate di un leggero 0,1% in Giugno rispetto al mese precedente, ma negli ultimi 3 mesi segnano ancora un calo dello 0,1% mensile, e sono ancora circa del 20% sotto i livelli pre-crisi. Il calo graduale della disoccupazione molto probabilmente si rifletterà nella crescita del potere d’acquisto dei cittadini, anche se con un lieve ritardo.

Vendite al dettaglio, giugno 2010 (fonte UniCredit Bank Slovakia)

UniCredit si aspetta che le vendite al dettaglio non crescano in maniera significativa quest’anno. La crescita sarà impedita dalla disoccupazione, che è ancora relativamente elevata. È anche possibile che una parte delle famiglie (presa la lezione della crisi) tenderà a creare maggiori riserve nel periodo post-crisi e quindi aumenterà la sua tendenza al risparmio.

(Fonte UniCredit Weekly Notes)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.