Prezzo del carburante in Slovacchia: veloce a crescere, lento a diminuire

carburanti

Tra tutti i paesi dell’Europa Centrale, gli automobilisti slovacchi sono gli ultimi a sentire i cali dei prezzi dei carburanti all’ingrosso. Lo dice una analisi dell’Istituto di Politica Finanziaria (IFP) del Ministero delle Finanze, sostenendo che la Slovacchia risente degli effetti delle riduzioni dei prezzi sui mercati internazionali sono con grande ritardo.

I prezzi dei carburanti alle stazioni di servizio in Slovacchia si ribassano anche con un ritardo di sei settimane, in media. Mentre gli aumenti vengono attuati con molta più rapidità. Si rende dunque necessaria, dice l’IFP, una regolamentazione più efficace del mercato della distribuzione.

Negli ultimi 14 mesi gli automobilisti hanno fatto il pieno alle loro auto spendendo 7 centesimi di euro in più in media (e 5 centesimi per il diesel). Tra le cause, secondo l’istituto, la rete di pompe slovacca che è poco estesa, e, in prospettiva, meno concorrenziale di altre dei paesi vicini. L’IFP conferma anche come reale la sensazione che gli automobilisti hanno da tempo, cioè l’asimmetria tra il lento calo e il veloce aumentare dei prezzi, un fenomeno che non è stato dimostrato nelle nazioni confinanti.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.