Giovedì da brivido: prosegue la rassegna all’IIC con Tenebre

argentofilm

Domani sera all’Istituto Italiano di Cultura di Bratislava, nell’ambito della rassegna dedicata a Dario Argento, si proietta Tenebre. Il film, uscito nel 1982, riporta Argento al genere thriller che lo ha reso famoso, dopo i primi due episodi della “Trilogia delle tre madri”, caratterizzati da un orrore soprannaturale. In questa sua ottava pellicola Argento nella regia è assistito da Lamberto Bava e Michele Soavi, futuri registi di pellicole del terrore e presenti nel film anche in brevi cameo (Bava nel ruolo di un addetto alla riparazione di un guasto e Soavi nel doppio ruolo di fidanzato di Lara Wendel e corteggiatore di Eva Robin’s in un flashback).

Trama: Un romanziere americano giunto a Roma per presentare il suo best seller è coinvolto in una serie di delitti che un maniaco, ispirandosi al suo romanzo, mette a segno con puntiglio. – Il film è pieno di sangue, i morti almeno 12, uccisi con rasoio e scure.

La serie si conclude giovedì 12 marzo con Phenomena. Come “bonus”, il 18 marzo al Babylon di Bratislava sarà in concerto la cult band dei Goblin di Claudio Simonetti, che ha composto le colonne sonore delle sue opere più celebri.

Quest’anno ricorre il 40° anniversario del lavoro più noto di Dario Argento, “Profondo rosso”, considerato ancora oggi un cult-movie ineguagliato e un punto di riferimento per il genere thriller-horror.

Dove: Istituto Italiano di Cultura, Kapucínska 7, Bratislava
Quando: giovedì 5 marzo 2015, ore 20:00
Organizzato da: Istituto Italiano di Cultura
Il film sarà proiettato in lingua originale (italiano) con ingresso gratuito

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google