Buoni pasto: cinque imprese slovacche sotto inchiesta per sospetto accordo di cartello

buonipasto_(nr.7375 4311959707 CC-BY-NC)

L’Ufficio antimonopolio (PMU) ha messo gli occhi su cinque società – delle quali non si conosce il nome – che forniscono buoni pasto e buoni per vari altri servizi per un sospetto accordo di cartello. Secondo l’autorità, le cinque ditte si sarebbero accordate per non darsi fastidio vicendevolmente, fatto che andrebbe contro le leggi sulla concorrenza non solo nazionali, ma anche europee.

L’ufficio sta indagando per capire se le imprese sospettate hanno volontariamente limitato a un massimo di cinque il numero di buoni pasto accettati dalle catene di vendita al dettaglio da un singolo cliente ad ogni acquisto. La ragione di tale decisione può essere cercata nella volontà di prevenire ad albergatori e ristoratori di acquistare cibo nelle catene di vendita al dettaglio con i buoni pasto che ristoranti e alberghi ricevono dai loro clienti.

Il fatto è, osserva l’ufficio, che le commissioni incassate dalle imprese del settore buoni pasto dalle imprese del settore alberghiero e dalla ristorazione sono notevolmente superiori a quelle che arrivano dalle catene di vendita al dettaglio. Questo fatto, che ancora non è provato, è ora oggetto di indagine, insieme al possibile accordo tra i cinque distributori di buoni pasto a non toccare i rispettivi clienti già acquisiti, limitando la concorrenza tra di loro alle sole nuove gare di appalto.

(Fonte RSI)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google