Pubblica amministrazione: da marzo obbligo di acquisto tramite il mercato elettronico EKS

eks-merc-elettr_(minv.gov.sk)

Da oggi è in funzione in modalità obbligatoria il sistema di contrattazione elettronico EKS per tutte le amministrazioni pubbliche. In funzione da un mese in maniera volontaria, il ‘mercato elettronico’ di beni e servizi dovrebbe rendere il processo di affidamento di appalti pubblici più efficiente e trasparente. Il Primo ministro Robert Fico (Smer-SD) crede che EKS, che è parte delle misure di governo contro la corruzione, sia strumento importante nella lotta contro speculatori, truffatori e corruttori.

Da oggi tutte le istituzioni statali e regionali (e tutte le organizzazioni ad esse sottoposte) sono obbligate a fare acquisti in un certo range di valori per beni e servizi ordinari, nonché lavori di costruzione solo per via elettronica, che non permette “aggiustamenti” a favore di qualcuno.

Il sistema di e-market è obbligatorio per costi di beni, servizi e lavori edili, tra 1.000 e 134.000 euro per tutte le amministrazioni dello Stato, e fino a 207.000 per le altre istituzioni. Per i lavori di costruzione, tuttavia, il limite massimo di spesa contrattabile con questo sistema è fissato a 5,186 milioni di euro.

(La Redazione)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.