In Slovacchia una conferenza di pace sull’Ucraina. Fico: il cessate il fuoco non durerà

ucraina_(flickr 14249501540)

La Slovacchia ospiterà nel mese di marzo una conferenza di pace sulla crisi Ucraina, ha annunciato il Primo ministro Robert Fico sabato nel corso di un talk alla Radio Slovacca. Il governo slovacco sarebbe infatti stato contattato con la proposta dai socialdemocratici tedeschi. L’evento è previsto tenersi ai primi di marzo a Kosice.

Fico ha affermato che in Ucraina sono stati fatti “strani giochi politici”, e l’accordo di cessate il fuoco stabilito a Minsk ed entrato in vigore sabato a mezzanotte (ore dopo il programma radiofonico) avrebbe in realtà fatto ben poco per evitare che la crisi si sviluppi in una guerra su ampia scala, ha sottolineato Fico.

Le circostanze sul campo difficilmente potranno evitare una violazione della tregua. E dato che le forze ucraine non sono in grado di fermare l’espansione dei separatisti, saranno costrette ad accettare le armi offerte loro dall’estero, cosa che porterà anche i ribelli ad aumentare il loro armamento e ad una escalation del conflitto. La Slovacchia, in ogni caso, si rifiuta di fornire armi ai vicini orientali.

Riguardo alla sua posizione critica sulle sanzioni, Fico ha ripetuto che la Slovacchia è un paese piccolo, che dipende dalle altre economie, e non si può permettere di essere parte di duelli geopolitici. La nostra unica arma, ha detto, è il diritto internazionale.

Di diverso avviso il Commissario europeo slovacco Maros Sefcovic, che parlando alla tv pubblica domenica, pur essendo d’accordo che la tregua è molto molto fragile e bisogna cercare altre soluzioni, ha detto di essere favorevole alle sanzioni che, ha detto, sono l’unico strumento a disposizione dell’UE per esercitare influenza su Mosca.

(La Redazione)

Foto atlanticcouncil CC-BY-NC-ND

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.