Mobilità sostenibile: senza macchine o senza marciapiedi?

Traffico a Bratislava

Le vie della mobilità sono infinite! C’è chi sceglie di eliminare direttamente le automobili, con uno scacco matto anche all’inquinamento e alle sue conseguenze sanitarie ed ambientali, e chi prova ad eliminare i marciapiedi e le strisce pedonali per costringere automobilisti, ciclisti e pedoni a muoversi con maggiore attenzione ipotizzando così una mobilità più sicura e sociale.

Due vie differenti che sembrano venire incontro alle esigenze sempre più pressanti di garantire, prevalentemente in un sistema di mobilità urbana, una mobilità sostenibile in grado di diminuire gli impatti ambientali, sociali ed economici generati dai veicoli privati e quindi agire principalmente: sull’inquinamento atmosferico e le emissioni di gas serra con le loro conseguenze su salute ed ambiente; sull’inquinamento acustico; sulla congestione stradale; sull’incidentalità; sul degrado delle aree urbane causato dallo spazio occupato dagli autoveicoli a scapito dei pedoni e sul consumo di territorio per la realizzazione delle strade e infrastrutture.

Quale il futuro? Leggi l’esempio di Amburgo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*