La verità sull’Occidente

rivoluzfrancese-delacroix_(wiki_CC0) civiltà occidente

Stiamo attraversando quello che Oswald Spengler aveva profeticamente definito nel 1917 “Il tramonto dell’Occidente”. A livello internazionale oggi (più che allora) assistiamo all’emergere di nuovi paesi, i cosiddetti BRICS, che sembrano destinati a sancire la fine dell’egemonia assoluta delle nazioni euro-atlantiche. La Russia e la Cina sono potenze economiche e militari che non solo difendono la propria sovranità ma contrastano sempre più efficacemente le mire espansionistiche degli Stati Uniti e i loro tentativi di destabilizzare le regioni adiacenti.

Se intendiamo designare con questa espressione, “Occidente”, la parte Nord-Ovest del pianeta, culturalmente e politicamente affine, ovvero l’Europa e il Nord America, bisogna riconoscere che gli ideali di umanità e rispetto promossi dall’umanesimo europeo e predicati dal cristianesimo sono stati completamente disattesi nei fatti. L’illuminismo e la triade della Rivoluzione francese hanno rappresentato una maschera dietro la quale nascondere le proprie meschinità. Il progresso sociale, politico ed economico raggiunto negli ultimi due secoli ha riguardato solo il 10% della popolazione mondiale, mentre il restante 90 si trova a dover affrontare fame, povertà, guerra e malattie, per lo più causate proprio da quella minoranza privilegiata.

Nel corso del Novecento, e in particolare dal dopoguerra, lo sviluppo economico ha permesso una crescita del benessere delle popolazioni occidentali mai vista prima. Ma a quale prezzo? Lo stile di vita, che i media ostentano con fierezza, è stato costruito sullo sfruttamento di altri popoli. In effetti la stessa costituzione dell’Occidente moderno non avvenne attraverso la libertà, teorizzata e propugnata sul piano teorico, ma all’opposto, per mezzo dell’aggressione e dell’asservimento di altre civiltà e di altre culture. La Rivoluzione Francese non cancellò il colonialismo, ma anzi, permise alla Francia di consolidarsi come potenza coloniale. La stessa cosa fece la Rivoluzione Inglese. Gli Stati Uniti d’America, ovvero il più potente stato occidentale, addirittura si costituirono su un genocidio, quello dei popoli indigeni d’America, e sulla schiavitù degli africani. Ma tutte le potenze europee parteciparono alla spartizione del Continente che porta il nome di due conquistatori senza scrupoli: Cristoforo Colombo e Amerigo Vespucci. Oltre alle nazioni sopraccitate anche Spagna e Portogallo colonizzarono nel modo più brutale le terre oltre l’Atlantico. Il colonialismo e il neocolonialismo occidentale e l’imperialismo atlantista hanno mietuto e continuano a mietere milioni di vittime.

Continua a leggere l’articolo originale

Foto wiki commons

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*